Michele Skatar firma due anni con il Rennes

Con una notizia apparsa sul sito dell’LNH, Ligue Nationale de Handball francese, è stata ufficializzata un’importante notizia per i colori italiani all’estero.naSP_skatarcouleur_apx_470_

Michele Skatar, terzino mancino della nazionale, attualmente in forze al club stellare dell’HBC Nantes, ha trovato l’accordo per la prossima stagione. Come recita l’articolo Skatar, “adombrato dall’arrivo dell’onnipresente Jorge Maqueda -terzino mancino campione del mond, ndr-” ha deciso di cambiare team.

Skatar ha firmato un contratto biennale alla corte di Barberet: smentite dunque le voci del suo possibile ritorno in Italia. Tuttavia Skatar passerà al Rennes a partire da quest’estate, dunque ancora non c’è l’ultima parola su eventuali clamorosi movimenti da gennaio a giugno.

di Luca Zadra

Authors
Tags ,

17 Comments

  1. handballmania said:

    Speriamo x lui e x la nazionale che resti all’estero. In bocca al lupo!

  2. Gino said:

    Sapete che skatar..in Francia ..il campo lo vede dalla panchina..e tokic va in seconda lega xché in prima non lo vedono….e questi sono le punte di diamante della nostra nazionale…..che non fa risultati da molto tempo…
    P.s. Sicuro che siano esempi da seguire?

    • Mago de Umago said:

      Come amico della pallamano Italiana devo dire che il comento di Gino su Tin e Skare e’ da ignoranti. E un comento da persona che non ha mai provato il piacere e la dificolta’ di stare di fronte ad un Narcis, Kopljar; Maqueda, Fernandez, Entrerrios, Škof, Gaić, Kavtičnik, Vori e molti altri.
      In questo momento il campionato Francese e’ tra i primi tre per qualita’ al mondo. Dunque chi simpatizza la pallamano Italiana deve stimare i giocatori con pasaporto Italiano che ne fanno parte. Sono loro l’unica stella splendente della pallamano Italiana in Europa in questo momento.
      Ricordo che nesun giocatore Italiano ha mai giocato in un campionato cosi forte. Bisognja dire che Fusina, Tarafino, Mestriner, Niederwieser, Pratner, Pastorelli, Flego, Massotti avevano la possibilita e’ la qualita’ per andare al estero.
      La nazinale e’ sicuramente un problema molto complesso. Non fanno tre o quattro giocatori una nazinale di pallamano. La nazionale e’ il risultato del duro lavoro di tutto il movimento di pallamano in italia.

  3. coach said:

    per me sicurissimo…..meglio allenarsi tanto e giocare poco all’estero,che allenarsi poco e giocare (no comment) in italia
    Poi per andare all’estero bisogna essere in 2 chi ci va e chi ti chiama…..
    birra
    excoach

  4. @gino said:

    … come sempre predichi bene e razzoli male .. non hai detto che il nostro campionato è da quarto mondo ?

    • coach said:

      …dicevi a me?perche’ forse hai letto male….se e’ per questo io non lo dico lo AFFERMO
      birra
      excoach

  5. Marco said:

    Caro Gino,

    Michele ad oggi ha segnato 13 gol in D1 in 8 partite. Nella sua posizione al Nantes c’è un tale Maqueda niente meno che il terzino campione del mondo con la Spagna giusto quest’anno.
    Adesso non so cosa pretendi tu da un giocatore italiano, perché sia un esempio da seguire; certo è che se tutti i giocatori italiani facessero la metà di quello che è riuscito a fare Michele sicuramente il movimento pallamanistico crescerebbe esponenzialmente.
    Tin ha segnato 23 gol in D2 in 4 partite,poi si è infortunato e rientrerà nella prossima partita. Anche in questo caso mi chiedo che pretese tu abbia nei confronti di Tin per dire che non si debba seguire il suo esempio.
    Prima di scrivere comunque che Michele non gioca mai e Tin gioca “in seconda lega” come se fosse un campionato minore rispetto al nostro, ti suggerirei di informarti. La nostra serie A fà ridere a confronto e ti basta guardare un paio di partite per rendertene conto.
    Non sò se sei portato a scrivere cose a caso su gente che non conosci solo per il gusto di criticare a prescindere ma ti assicuro che Skatar e Tokic sono due esempi di giocatori da imitare, e che fanno solo bene alla pallamano italiana.
    Saluti,
    Marco La Mendola

  6. handballpassion said:

    giocava nella quinta in classifica, ha firmato con la sesta in classifica… ha fatto 231 gol in 4 anni di ligie 1 ed è l’unico italiano ad aver giocato in bundesliga… ma di che parlate tutti quanti, voi denigratori?

  7. handballmania said:

    Poverino gioca solo nella seconda lega francese…. Certo, oramai in Italia siamo abituati a vedere tutti nella massima serie pur di giocare!!!!!!! Una volta si diceva “gioco in serie C” poi ce la B poi A2 poi A1….ora ??? Mamma voglio giocare a pallamano! Dove? Nella massima serie ovviamente a 80 squadre!
    dai!!! Avercene giocatori cosi!

    • Gino said:

      meno male che i nostri addetti ai lavori alzano gli scudi a difesa del nostro povero sport…..
      P.s.: concordo con coach, x andare all estero bisogna esser in due, di cui uno ti prende e soprattutto, visto il nostro livello, essere predisposti a fare sta vita ….”difficile”…..(skatar e tokic sono croati….)
      Anni fa, forse qualcuno poteva andare a fare sta vita…..oggi non abbiamo neanche uno x andare fuori confine ( forse Radovcic …opsssh e’ croato di umag anche lui :))

  8. handballscccccccoooooooop said:

    Michele Skatar a Gennaio potrebbe approdare al Carpi.

    Notizia fresca fresca! Ottimo direi , alziamo un pò il livello dei play off almeno.
    Direi che Bolzano , Carpi e Fasano hanno veramente degli ottimi organici .

  9. Mauri said:

    Oltre Tokic e Skattar, adesso c’è Colasuonno, 18 anni, l’unico italiano vero che gioca con l’US Creteil handball, prima in classifica in ProD2. Finora solo 2 convocazioni per lui, ma avrà altro spazio durante il campionato. E se sta lì, è perchè a Creteil credono in lui e nelle sue notevoli potenzialità. D’altronde in Francia hanno oltre 500mila tesserati, se Giuseppe è stato preso da un club che dà tanti ragazzi alle nazionali giovanili francesi, qualcosa di buono vorrà anche dire. O in Francia sono incompetenti e spendono i soldi a caso? Altri giovani dovrebbero seguire il suo esempio, ma ragazzi interessanti per l’estero sono pochissimi e purtroppo senza coraggio.

    • coach said:

      io non penso manchi il coraggio,piuttosto da quel poco che vedo e sento in giro manca lo spirito di sacrificio…. e inoltre mancano proprio le richieste…
      birra
      excoach

  10. tuttomercato said:

    Skatar è stato cercato l’anno scorso dal Carpi ma si è quesi messo a ridere, se si è mosso adesso vi pare che si sposta di nuovo a gennaio col contratto valido??? Cioè il Carpi deve prenderlo per forza in prestito regolare dato che è contract player, dargli per quattro mesi i soldi del Rennes per poi ridarglielo senza magari aver vinto? Allora Fanni i soldi se li stampa con crisi e terremoto?
    Colasuonno in Francia lo ha portato il procuratore, un 18enne alto e grosso che praticamente viene gratis che fai lo butti? Lo prendi anche se è italiano e hanno fatto bene

  11. Mauri said:

    @ tuttomercato: onore a fanni che, in mezzo al nulla assoluto, si dà molto da fare. E, crisi o non crisi, lo fa molto bene. In quanto a Colasuonno, hai idee sballate, perchè il ragazzo non è assolutamente gratis e le squadre pro, francesi o di vattelapesca, non sono certo opere della misericordia. Se vali ti prendono, altrimenti torni a casa….18nne alto grosso con procuratore annesso.
    @ coach: Le richieste per andare all’estero ci sono. Poche, ma ci sono. Dalle mie parti si dice ” chi ha il pane non ha i denti…” ed il suo contrario. Succede esattamente così. Purtroppo ai nostri migliori ragazzi mancano coraggio, palle, idee chiare e, hai ragione, spirito di sacrificio. Ad es. servivano portieri 95-96, ma uno ha smesso ed un altro preferisce “giocare” in serie B italiana..

*

Related posts

Top