Coppa Italia Maschile | Road to Fondi: rush finale per gli ultimi due posti in Final8

Rotta verso la fine della Regular Season, sale l’attesa per la Final Eight di Coppa Italia 2017. Quest’anno sarà Fondi il teatro della 32^ edizione della Coppa Italia maschile. La sede, ufficializzata da novembre, ospiterà la manifestazione giunta alla 4^ edizione con la formula attuale. La prima edizione, ospitata da Martina Franca nel 2014, si era giocata nel mezzo del girone di ritorno della Regular Season, mentre nel 2015 e 2016 (Siracusa e Lavis) la Final Eight aveva dato spettacolo nel weekend di intervallo fra la fine della Regular Season e l’inizio delle Poule. Quest’anno, come preventivato nel vademecum estivo, è cambiata nuovamente la collocazione temporale della manifestazione, fissata nel weekend dal 21 al 23 aprile, ovvero dopo la fine delle Poule PlayOff.

Come ci si qualifica

Alla Final Eight di Coppa Italia si qualificano la squadra ospitante, le prime due classificate di ciascun girone al termine della Regular Season (fra due settimane) e la migliore terza classificata dei tre gironi. Se negli anni passati i tre gironi avevano lo stesso numero di squadre, quest’anno tuttavia il Girone A conta 10 partecipanti a fronte delle 9 squadre presenti nei Gironi B e C. Non sarà quindi il semplice numero di punti ottenuti a decretare la migliore terza bensì il quoziente fra punti ottenuti ed incontri giocati (punti diviso partite).

Chi si qualifica

Il quadro delle 8 qualificate alla Final Eight non è ancora definito ma a grandi linee comincia a profilarsi quello che sarà l’aspetto delle 8 partecipanti sulla strada verso Fondi. L’ultima giornata della Regular Season sarà decisiva per definire la panoramica delle 8 squadre ma affidandoci alla matematica possiamo delineare il quadro a nostra disposizione ad oggi.

Sono attualmente qualificate alla Final Eight

  • Fondi (società ospitante)
  • Fasano (già matematicamente prima classificata del Girone C)
  • Carpi (già matematicamente prima classificata del Girone B)
  • Bolzano (già matematicamente prima classificata del Girone A)
  • Conversano (già matematicamente seconda del Girone C)
  • Pressano (già matematicamente seconda del Girone A)

Alle altre due squadre che raggiungeranno Fondi manca ancora la matematica per conquistare la qualificazione.

La situazione attuale

In primis è ancora in ballo il secondo posto del Girone B conteso fra Romagna (34 punti) e Città Sant’Angelo (33 punti). La squadra di Tassinari affronterà nell’ultimo turno il Cingoli fra le mura amiche della Palestra Cavina, mentre Città Sant’Angelo farà visita ad un Bologna già certo del quarto posto.

Per semplificare il discorso qualificazione che andremo a snocciolare nelle prossime righe, considerata la complessità e la vastità di chance ancora aperte, concedeteci di supporre che Romagna vinca l’ultimo match e confermi il secondo posto, qualificandosi.

L’ultimo posto disponibile per la Final Eight sarà così il fatidico posto riservato alla migliore terza e le attuali situazioni di quoziente sono queste

  • GIRONE A – Trieste (39 punti in 17 partite) – Quoziente 2,29 – Prossimo incontro: Bolzano (in casa)
  • GIRONE B – Città Sant’Angelo (33 punti in 15 partite) – Quoziente 2,26 – Prossimo incontro: Bologna (in trasferta)
  • GIRONE C – Siracusa (33 punti in 15 partite) – Quoziente 2,26 – Prossimo incontro: Valentino Ferrara (in casa)

Per quanto riguarda le terze, Trieste è quindi attualmente avanti nel quoziente. Il big match Trieste-Bolzano sarà arbitro della contesa: una vittoria di Trieste (sui 60′ o ai rigori) qualificherebbe i biancorossi di Hrvatin, mentre una sconfitta (anche ai rigori) passerebbe la parola a Città Sant’Angelo e Siracusa che, a scanso di contemporanee sconfitte, si giocherebbero la qualificazione. Entrambe però hanno lo stesso numero di punti e di conseguenza anche lo stesso quoziente punti/partite.

È quindi possibile pensare che le due se la giocheranno con il criterio successivo, ovvero il quoziente fra differenza reti e partite giocate. Attualmente Città Sant’Angelo vanta una differenza reti di +46 ed un quoziente DR di +3,06, mentre Siracusa ha differenza reti a +60 ed un quoziente DR di +4,00. In parole povere se Trieste perde e le altre due vincono, Città Sant’Angelo deve vincere con 15 reti di scarto in più rispetto a Siracusa per qualificarsi, altrimenti in Final8 voleranno gli aretusei. Una conformazione che sulla carta vede favorita la squadra di Vinci ma il risultato di Trieste è incerto e tutto si deciderà sul filo del rasoio.

Il “caso” Merano

Zitti zitti, quatti quatti, ci sono i Diavoli Neri del Merano. Due fra Trieste, Città Sant’Angelo e Siracusa dovranno dire addio alla Coppa Italia ma la partita non sarà solo fra quelle squadre. C’è infatti una remota – ma esistente – possibilità che a Fondi ci vada il Merano. Cosa dovrebbe succedere? Tutte e tre le attuali terze dovrebbero perdere i rispettivi incontri e Merano vincere con Appiano. I ragazzi di Prantner scalzerebbero così Trieste dal terzo posto agganciandolo a quota 39 punti (scontro diretto a favore) e sarebbero la migliore terza. Un caso molto difficile ma comunque, almeno per la statistica, possibile.

Non ci resta che attendere i verdetti del campo: alcuni più pronosticabili, altri molto meno; certo è che la corsa verso Fondi è ormai giunta alla stretta finale.

di Luca Zadra

Authors

3 Comments

  1. DOMENICO ANCONA said:

    tutto giusto ,avevo ragione ,ho vinto una scommessa ,l’unica incertezza se il FONDI ,societa’ organizzatrice viene sorteggiata come non teste di serie anche con il girone C ,in parole povere se puo ‘incontrare il FASANO o il CONVERSANO nei quarti GRAZIE

    • Luca Zadra said:

      No, non si possono abbinare squadre dello stesso girone. Fondi entra al sorteggio in seconda fascia e quindi può pescare Bolzano, Carpi o una delle seconde dei gironi A e B se quest’ultima viene estratta come quarta testa di serie.

  2. maghino said:

    Fasano squadra da battere e principale candidata alla vittoria con Bolzano ma farei molta attenzione a questo Carpi

*

Top