A Martina Franca solo con prevendita, Conversano:”A noi pochissimi ingressi, clamoroso…”

Due comunicati in poche ore accendono ulteriormente il derby pugliese di Finale Scudetto fra Fasano e Conversano. Dopo la vittoria conversanese al PalaSanGiacomo in Gara-1 ora si passerà in “casa” del Fasano, a Martina Franca, dove il PalaWojtyla può ospitare circa 2000 persone.

Ebbene la Junior Fasano ha adottato la sola prevendita per l’ingresso all’attesissimo incontro, come recita un comunicato della società:”L’accesso al PalaWojtyla di Martina Franca in occasione di Gara 2 delle finali scudetto tra Junior Fasano e Conversano, fissata per le 20.45 di sabato 19 maggio, sarà consentito esclusivamente a coloro che si premuniranno in prevendita del titolo d’accesso. Non sarà dunque possibile acquistare biglietti direttamente sul posto, con i botteghini del PalaWojtyla che resteranno rigorosamente chiusi. Ulteriori comunicazioni sulle modalità di acquisto in prevendita dei tagliandi e sui punti vendita abilitati saranno rese note nelle prossime ore.”

Pronta la risposta del Conversano: senza biglietti acquistabili direttamente in loco, molti tifosi conversanesi – a detta della società – rischiano seriamente di restare a casa in quanto impossibilitati a munirsi di prevendita. Per di più nel comunicato della Pallamano Conversano che riporteremo di seguito si evince che la società Junior Fasano ha destinato agli ospiti 250 ingressi sui circa 1800 a disposizione. In tal senso il Vademecum si riferisce chiaramente alla casistica, senza però entrare nello specifico:”La società ospitante deve fornire alla società ospite un congruo numero di ingressi”. Dove “congruo” può essere interpretabile: regola questa introdotta dopo le fitte polemiche che impedirono proprio ai tifosi fasanesi di raggiungere Bolzano in occasione di una finale scudetto.

Questo il testo conversanese:”

RESTRIZIONI DI ACCESSO PER I NOSTRI TIFOSI.
AL CONVERSANO RISERVATI SOLAMENTE 250 TAGLIANDI SU 1800 POSTI!!

Clamorosa decisione della società ospitante Junior Fasano, di concedere al pubblico conversanese solamente 250 biglietti in occasione della gara 2 di finale scudetto prevista per sabato 19 maggio alle ore 20.45 presso il Palasport di Martina Franca.

Nonostante il clima sempre sereno e disteso che ormai da anni si respirava sugli spalti durante i derby; nonostante in casa Conversano non ci siano MAI state limitazioni di numero, nè di accesso al PalaSanGiacomo per nessuna tifoseria, con questa decisione altamente sproporzionata si obbligheranno moltissimi tifosi che sabato scorso hanno gremito il palazzetto, a rimanere a casa.
Una presa di posizione che certamente non possiamo condividere perché non fa bene all’immagine di questo sport, nè rende giustizia a tutti gli appassionati che vorrebbero semplicemente incitare i propri beniamini in una partita che vale una stagione.

Attendiamo fiduciosi una rettifica delle condizioni, nonché le opportune determinazioni e/o provvedimenti da parte della Federazione italiana giuoco handball (F.I.G.H.) a tutela del decoro della manifestazione, nell’ottica sempre dichiarata di dare la massima visibilità a questo sport, in special modo dopo lo splendido spettacolo offerto sabato scorso da (entrambe) le tribune del PalaSanGiacomo.”

di Luca Zadra

Authors

11 Comments

  1. people said:

    sono curioso di conoscere chi sarà in grado di fare la A1 ( Élite ) e chi sopravviverà e si iscriverà alla nuova stagione , il nuovo che avanza è iniziato … e si vede , complimenti !

  2. ambrogio said:

    e ‘una polemica sterile perche’ al FASANO SONO pervenute richieste per oltre 2000 biglietti e 300 accrediti da diverse parti della puglia ,abbiamo soddisfatti solo i nostri 1000 abbonati ,con l’immenso dispiacere di far rimanere centinaia di tifosi a casa ,la societa si’ e’ messa a disposizione di aumentare il numero dei tagliandi per CONVERSANO ma a tutt’ora ancora non sono stati ritirati i 250 tagliandi

  3. domenico said:

    per onore della verita’ della cronaca di questi giorni nel’articolo riportato la JUNIOR FASANO non ha adottato di per se’ la sola prevendita ma ci’ e’ stata imposta dagli organi istituzionalI presenti alla riunione prefettizia di MARTINA dove c’erano anche i dirigenti del COVERSANO dove si e’ anche stabilito che i biglietti sono 1500 e non 1800 allegando fotocopia di carta d’identita per ogni tagliando’,di cui 250 alla squadra ospite con incremento se fosse stato necessario ,eventualmente non solo sarebbero rimasti a casa diversi tifosi conversanesi ma anche un migliaio di tifosi fasanesi dati le oltre 2000 richieste di biglietti e 300 accrediti di diversa natura pervenuti,,pertando si ritiene il comunicato sopraindicato estrapolato dal sito web pallamano CONVERSANO, con diverse inesattezze onde evitare inutili polemiche sterili ,lo sport della pallamano ,il campo deve vincere e non queste continue illazioni senza senso a provocare tensioni tra due tifoserie piu’ numerose d’ITALIA che si contraddistinguono per la passione per la propria squadra ,attendiamo un dirigente del CONVERSANO per consegnare i tagliandi con una mano e con l’altra una stretta di mano fra gentiluomini

  4. settemetri said:

    Ciao People si parla già di fusioni e ritiri, però concordo con la linea federale il girone unico ha un senso altre soluzioni non mi sembrano abbiano portato questa qualità che ci si aspettava. L’unica cosa che spero è che viste le spese che dovranno affrontare le squadre il livello arbitrale salga affinche dopo un viaggio lungo e molte spese non si debba assistere a penosi spettacoli dettati dai signori col fischietto. Per me la classe arbitrale in italia è veramente di livello bassissimo. Spero che la federazione possa introdurre ( avendo soldi ) utilizzo di arbitri stranieri. Se si guarda la finale Conversano-Fasano la coppia non ha favorito o sfavorito nessuno ha semplicemento arbitrato senza una logica.

    • gino said:

      si critica il settore arbitrale come paravento al bassissimo livello della pallamano italiana e delle sue società e relativa governance?

      • HandballVardar said:

        Tempo addietro ho assistito ad una partita U15, chiamarla partita è un eufemismo in quanto i ragazzini non conoscevano quasi nemmeno le regole di base, e l’arbitro compiacente non fischiava falli quali cambi irregolari, passi, doppie e sfondi… a fine partita sono andato a parlare con lui in quanto ci conosciamo da diverso tempo, e lui dall’alto della suo status di arbitro mi ha risposto che se avesse voluto fischiare tutto quello che vedeva, avrebbe dovuto interrompere la partita ogni 2 su 3. La mia risposta, invece, è stata che se lui avesse fischiato come avrebbe dovuto, i ragazzi avrebbero iniziato a capire gli errori sistematici che facevano… Successivamente, in altre occasioni in gare senior, lo stesso arbitro ha dimostrato di avere lui stesso limiti tecnici e di non conoscere a pieno il regolamento di gioco. La morale della favola, però, è che con una classe arbitrale seria, imparziale, competente e che non ha paura di nessuno, cresce anche il livello dei giocatori….

  5. Piazzaciaia said:

    Questo articolo è semplicemente vergognoso.
    Invece di copiare da Facebook aprite il telefono e chiamate i dirigenti della società ospitante, o vi stancate troppo?
    P.S. Il Conversano ha avuto oltre 300 biglietti: cosa volevano, giocare tre volte in casa?

  6. ciccio said:

    ma scusate a parte le poche notizie ricevute, il Vademecum quando verrà diramato ? Non è che aspetteno le iscrizioni e poi lo manderanno in stampa, con relativi aumenti di tasse gare e contributi vari ? non sarebbe corretto saperle prima queste cose per fare una corretta previsione dei costi di una stagione che già di suo sarà più costosa della precedente ?

  7. settemetri said:

    Gino che il livello sia basso non è una scoperta e hai ragione. Però se c’è un settore da cui si dovrebbe partire per cercare di risalire è il settore arbitrale. Molte persone ( SPONSOR ) si sono allontanate e si allontanano da questo sport per torti subiti. Io voglio perdere giocando ad armi pari, purtroppo e lo sai benissimo quando vai in certi campi e incontri certe società parti in svantaggio e non è un problema geografico legato ai tifosi, io parlo dal Trentino alla Sicilia, la forza di certe società nel palazzo è cristallina.
    Questa cosa chiaramente è presente anche a livello giovanile, di cui ti faccio un esempio molto recente : Quali sono le basi su cui sono state scelte le teste di serie nelle finali Under 19 ? nessuno lo ha comunicato e nessuno lo sa…..ti sembra normale, e vedrai che la vincente uscirà tra quelle 4.Buona pallamano a tutti

  8. People said:

    questa pallamano non credo possa interessare tanto , né tanto meno a tanti e ancor più a sponsor per la visibilità , poi tra costi e regolamenti avremo tante squadre che si uniranno o si ritireranno perciò quelle che scompariranno saranno tante dalle previsioni e da quel che si sente dire in giro , vedremo anche dove troveranno le top squadre le risorse per intraprendere un Campionato unico di ÉLITE così dispendioso , come pagheranno giocatori allenatori fisioterapisti piu i costi trasferte , tasse gara e impianti . Se così fosse comunque sarebbe una pallamano SOLO per pochi e tutto il movimento creato in passato andrebbe in gran parte disperso e snaturato , di sicuro io come tanti ho perso tutta la PASSIONE che avevo e con molta amarezza vi dico che mi dispiace tantissimo .

    • HandballVardar said:

      non credo sia così… si chiama selezione naturale!!! così si vedono i dirigenti bravi a reperire gli sponsor!! chi ha i soldi per fare la B non deve stare in A…. largo a chi se lo puù permettere… gli altri dietro a divertirsi nei campi di regione….

*

Top