Qual. Mondiali 2017 | Italia: pareggio contro Israele, alle azzurre serve vincere contro il Portogallo

imgl9730Un pareggio al termine di 60′ altalenanti, ma utilissimo ai fini della classifica. Italia e Israele impattano sul 26-26 (p.t. 12-12) nella gara che ha aperto questa sera (venerdì ndr), al Pala Lo Bello di Siracusa, il Gruppo 4 di qualificazione ai Campionati Mondiali di Germania 2017. Sotto lo sguardo del pubblico siracusano e del Portogallo – terza squadra impegnata nel raggruppamento -, le azzurre giocano una partita dai due volti, annullando in più di un occasione, e in particolare nel secondo tempo, i buoni vantaggi costruiti nei minuti precedenti.

LA PARTITA. Israele parte meglio e sorprende subito l’Italia con un vantaggio iniziale di 3-0 al 3′. Le azzurre entrano in partita coi gol di Fanton e Cappellaro, ma le israeliane tengono il risultato dalla propria parte fino al 13′, minuto in cui si verifica la prima situazione di parità del match (5-5). Si sblocca Niederwieser, Prunster tra i pali fa registrare una serie di interventi importanti e l’Italia, avanti 11-8 al 23′, dà l’impressione di poter prendere in mano l’andamento della sfida. Israele però non sta a guardare, mette a referto un break di 3-0 e solo Niederwieser allo scadere fissa il parziale di metà gara in parità (12-12).

Pronti-via della ripresa e Cappellaro e compagne provano subito a mettere la freccia. Il parziale è di quelli importanti: 7-2 e risultato fissato sul 21-15 con la rete di Rotondo al 43′. Ma la gara è tutt’altro che chiusa. L’intensità difensiva delle azzurre cala, Israele ne approfitta e recupera reti, minuto dopo minuto e con pazienza. Al 49′ è tutto da rifare: 22-22, vantaggio italiano annullato. Le israeliane ribaltano il trend della gara, si portano in vantaggio sul +1 e vi restano sino al 55′, sul 25-24. Reazione dell’Italia: Gheorghe prende per mano la squadra e prima serve Cappellaro per il pareggio, poi realizza il gol del momentaneo vantaggio (26-25). Col cronometro che segna 58’37” le ospiti vanno in gol con Vakrat e pareggiano. Sul rovesciamento l’Italia spreca, ma regge nel finale. È 26-26 al Pala Lo Bello. Un punto per parte e tutto ancora apertissimo in ottica qualificazione.

Domani (ore 20:00) turno di riposo per la Nazionale femminile, spettatrice del match fra Portogallo e Israele, che dirà tanto sull’evoluzione della classifica. Le azzurre torneranno in campo il 27 novembre (ore 16:30) contro il Portogallo, in un match dal sapore di un’autentica finale. Entrambe le sfide saranno trasmesse in diretta su PallamanoTV (www.pallamano.tv).

venerdì 25 novembre
h 18:00 | Israele – Italia 26-26 (p.t. 12-12)
Israele: Boronovski, Bachshi, Epelboim 2, Ben Shoshan, Cohen N. 7, Dunay 3, Cohen O, Turgeman 1, Padalon, Ben Itzhak 1, Madmon, Ben Yacov, Izak 6, Vagenfeld, Vakrat 6, Aminov
Italia: Prunster, Luchin, Trombetta, Gheorghe 8, Rotondo 2, Del Balzo 1, Kere, Cappellaro 3, Costa, Niederwieser 4, Dibona, Ganga, Babbo, Fanton 4, Ravasz 3, Landri 1. All: Michael Niederwieser
Arbitri: Vujacic (MNE) – Kazanegra (MNE)

La classifica aggiornata:

Italia 1 pti, Israele 1, Portogallo 0

[fonte: www.figh.it]

Authors

3 Comments

  1. Tifoso Italiano said:

    Israele era data per spacciata prima di iniziare!!…ho visto la partita, ma le israeliane faticavano a prendere palla e passarla.. ma cosa è successo alle nostre?… INCREDIBILE!
    Si andava meglio quando si andava “peggio” !?

  2. tifoso italiano vero said:

    non serve essere disfattisti. la voglia di fare risultato a tutti costi può fare brutti scherzi. è stato evidente che l’italia aveva praticamente fatto sua la partita e ha avuto la presunzione (grave) di crederla chiusa prima del tempo. stiamo vicini alle ragazze, ci si doveva giocare tutto col portogallo e così sarà. forza italia

  3. @ italiano vero said:

    scusa “signor vero”, non fraintendere! la pensiamo allo stesso modo! dispiaciuto di un mezzo risultato quando si poteva TRANQUILLAMENTE e felicemente portare del fieno in cascina da subito (tutta la posta). Abbiamo avuto gioco (forse a volte troppo egoistico ed individuale), fisicità nettamente superiori noi , atleticamente meglio sicuramente noi!!! mancato “solo” la testa sul campo, e quando manca la testa sul 40×20 l’aiuto DEVE arrivare dal MR… come in tutti gli sport.

*

Top