L’Italia si gode il buon momento: voce a capitan Pasquale Maione

La voce è ancora euforica, l’emozione di quell’ultimo secondo sempre viva. Pasquale Maione, capitano della Nazionale, non nasconde la felicità per un risultato che mancava dal 2005. Battendo 26-24 il Lussemburgo, l’Italia passa il turno nelle qualificazioni agli Europei 2020. L’attimo finale di quella partita, il 15 gennaio a Siracusa, è chiaro nella mente di chi quel momento l’ha vissuto: Turkovic segna allo scadere il +2 che ci qualifica.

P: Pasquale Maione, che emozione è stata?
M: “Enorme, per com’è arrivata la vittoria. Potevamo chiuderla prima, è vero, e anzi c’eravamo praticamente riusciti. Sul +6 abbiamo forse pensato di avere già chiuso i conti, non siamo più riusciti a segnare e il Lussemburgo è stato più bravo di noi a non mollare e a rimettere tutto in equilibrio. Abbiamo rischiato, ma credo anche che nel corso della partita abbiamo dimostrato di essere superiori. Mettiamola così: vincere con un gol all’ultimo secondo è ancora più bello e l’esplosione di gioia del pubblico di Siracusa e dei tanti che ci hanno seguito in diretta da tutta Italia è qualcosa di impagabile”.

P: Cosa rappresenta questo risultato per la Pallamano italiana?
M: “Credo sia un passo in avanti importante e sia il giusto coronamento del lavoro fatto in questi anni dalla Federazione con questo gruppo di giocatori. Come ho detto subito dopo la partita, questa squadra meritava di centrare il passaggio di un turno di qualificazione. Diverse volte c’eravamo andati vicini, a volte siamo stati sfortunati, altre volte abbiamo dovuto digerire sconfitte pesanti. Stavolta toccava a noi e ci siamo fatti trovare pronti. A chi minimizza questo risultato, dico: conosciamo bene la distanza tra l’Italia e le squadre che affronteremo nella 2^ fase, ne siamo consapevoli, ma non per questo dobbiamo nascondere la grande gioia e la soddisfazione per un risultato che questo gruppo di giocatori ha voluto fortemente, dimostrando grandissimo attaccamento alla Nazionale.
All’atto pratico, abbiamo superato un turno di qualificazione. Giocheremo la 2^ fase al meglio delle nostre possibilità, dando come sempre il massimo per la maglia azzurra, a prescindere dalle avversarie che affronteremo”.

P: Oggi il quotidiano “La Gazzetta dello Sport” ha dedicato spazio alla pallamano. Purtroppo però poche righe dedicate al vostro risultato e un articolo ben più corposo per una vicenda non sportiva. Cosa ne pensi?
M: “E’ deludente, oltre che -concedetemelo- per nulla rispettoso nei confronti di noi giocatori che scendiamo in campo per difendere la maglia azzurra. Penso di poter parlare anche a nome dei miei compagni se dico che la delusione è tanta ed è inspiegabile vedere il principale quotidiano sportivo italiano dare così tanto spazio a vicende che si svolgono fuori dal campo e trattare invece in poche righe “nelle brevi” un risultato sportivo di così grande valore, come la vittoria di una Nazionale. Ma andiamo avanti e godiamoci finalmente una stra meritata vittoria e ora tifiamo uniti per i nostri azzurrini che a Parigi, al Campionato Mediterraneo, hanno già intascato tre successi contro nazioni come Islanda, Tunisia e Montenegro”.

Authors

8 Comments

  1. Peppe Vinci said:

    L’articolo della Gaxzetta dello Sport è tendenzioso ed inopportuno, adesso è il momento della gloria dopo tanto penare, se lo potevano risparmiare, un articolo penoso senza contenuti che abbiano un senso costruttivo una polemica che è una delusione per tutto il movimento.

    • Daniele Battistoni said:

      Senza dubbio è stato fatto nel momento più sbagliato perchè questi ragazzi meritano di essere festeggiati per quanto fatto aldilà di qualsiasi discussione. Al fatto che l’articolo sia senza contenuti rispondo con un piccolo elenco:

      Costituzione italiana (1947)
      Art. 21. – Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure. […]

      Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo (approvata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 10 dicembre 1948)
      Art. 19. – Ogni individuo ha diritto alla libertà di opinione e di espressione incluso il diritto di non essere molestato per la propria opinione e quello di cercare, ricevere e diffondere informazioni ed idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere.

      Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea (2000)

      Articolo 11. – (Libertà di espressione e d’informazione)
      1. Ogni individuo ha diritto alla libertà di espressione. Tale diritto include la libertà di opinione e la libertà di ricevere o di comunicare informazioni o idee senza che vi possa essere ingerenza da parte delle autorità pubbliche e senza limiti di frontiera.
      2. La libertà dei media e il loro pluralismo sono rispettati.

      Potrei andare avanti ma mi fermo. Io non giudico se quello che sia stato detto sia giusto o sbagliato e non mi interessa io dico che non è corretto limitare la libertà di espressione, lo fanno i regimi totalitari. E poi diciamola tutta,penso che abbiano ben altro da fare che leggere le quattro stupidate che scriviamo su internet dai…

      Detto questo GRANDE MAIO, GRANDI RAGAZZI E ORA VIVIAMOCI IL SOGNO DI QUESTE QUALIFICAZIONI

    • DOMENICO ANCONA said:

      il signore che ha passato l’articolo alla gazzetta dello sport vuole tanto bene al movimento della pallamano ,sanno solo screditare per i loro interessi di cortile ,riflettete brava gente appassionata di vera pallamano giocata con chi abbiamo a che fare ,un grazie sincero a tutta la nazionale e allo staff tecnico ,infine ricordo al signore che fa la vittima del cosidetto /sistema/ che la squadra a cui si riferisce ha perso una finale coppa italia ,una semifinale scudetto e la finale scudetto e quindi se la matematica non e’ un opinione ha vinto tre volte e perso tre volte con la stessa coppia arbitrale ,forse conta e dispone di un suo personale conteggio

      • provapure said:

        Mi scusi Sig, Ancona, ma che differenza fra quello fatto dalla Gazzetta e quello fatto da lei in questo post? Qui c’è un articolo fatto per complimentarci con la nazionale italiana e lei invece ha scritto una riga di complimenti e poi tutto il resto per criticare la Gazzetta e per commentare le frase dette dall’ex giocatore….non vedo grosse differenze dalle due cose.
        Io credo che la Gazzetta doveva sicuramente dare più risalto alla vittoria della Nazionale, ma credo che abbia fatto bene dare voce anche al ex giocatore, come lei ha fatto bene a rispondere qui se ne aveva voglia: tutti abbiamo diretto di esprimere la propria opinione liberamente con i nostri mezzi a disposizione. Spetta poi al “pubblico” decidere se e cosa leggere.
        Detto questo rinnovo i complimenti alla Nazionale per il risultato ottenuto, sperando che sia solo un inizio e che si consideri questa qualificazione una partenza e non un arrivo.
        E faccio i complimenti a lei Sig. Ancona per quello che state facendo a Fasano in questi anni.

  2. Zulish said:

    Ancora COMPLIMENTI alla nazionale per il passaggio del turno, a piccoli passi si raggiunge un obbiettivo, sperando sempre che ad ogni passo ne seguano tanti altri e nella stessa direzione.
    Purtroppo, per quanto sia poco piacevole il risalto dato dalla gazzetta, penso anche sia esplicativo di quello che è la PALLAMANO oggi in italia, priva o quasi nulla (per ora) di successi sportivi ma ricca di vicende extrasportive che arricchiscono le cronache e i dubbi di ogni sportivo che di Pallamano ne ha visto e ne capisce (e non ci vuole certo una laurea per capire determinate vicende)
    Questa è la pallamano oggi in Italia.
    Troppo ricca di “cronaca” extrasportiva per dare risalto invece a quella sportiva.
    Forse una cosa buona e giusta è certamente la continuità che si sta dando al progetto azzurri, seguendo una continuità con i giovani, ma…dico sempre…SPERIAMO CONTINUI……servono stage stage e ancora stage, giorno dopo giorno, settimana dopo settimana e mese dopo mese…chi s iferma è perduto…..ancora avanti così e sempre forza Azzurrini.

  3. gino said:

    la pochezza di gente, anche ex giocatori, che godono a distruggere essendo completamente fuori dalla pallamano da molti anni , e si ergono a paladini di non si sa cosa…. per essere protagonisti sulla gazzetta di ingiustizie varie così i “giornalisti” o giornalai, preferiscono il signor nessun in foto che Maione e company qualificati o i under 21 o i under 17 ecc.
    Questa è la pallamano italiana disse Zupo e pensare che non conosceva questi piccoli personaggi.
    Vergogna!
    Grazie Maione e company e scusate l’ignoranza di questi signor nessuno!.

  4. Ciaicovschi said:

    La cosa più insopportabile è che l’autore dell’articolo quando ti incontra ti fa tante mosse e mossette, fa l’amicone, ti propone iniziavite per la pallamano ecc. poi si abbassa a questi espedienti per screditare i suoi nemici.
    P.S.: Battistoni non fare il fenomeno [MODERAZIONE DI PALLAMANOITALIA]

*

Top