AM | DUE MINUTI A… Peppe Vinci: “Non siamo appagati, a Chieti per giocarcela”

vinci_faceHa appena conquistato l’accesso alla Poule d’Ammissione ai Play-Off scudetto, che si disputerà il prossimo weekend, a Chieti. La Teamnetwork Albatro Siracusa è salita sul treno che porta alle semifinali e non intende scendere. Il primo a credere nell’impresa è l’allenatore, Peppe Vinci.

Soddisfatto della prima parte della stagione?

“Sono innegabili i progressi della squadra rispetto allo scorso anno. Abbiamo conquistato una posizione migliore in classifica, frutto del lavoro svolto durante il campionato. Il bilancio è soddisfacente, tuttavia riteniamo di non avere ancora colto l’obiettivo”.

Qualche rammarico per l’eliminazione prematura dalla Coppa Italia?

“Purtroppo abbiamo pagato lo scotto di militare nel Girone C, che non è competitivo come gli altri, sia sotto l’aspetto tecnico, sia sotto quello agonistico. Eccezion fatta per il Fasano, nostro avversario nel raggruppamento, il Romagna è stato la prima squadra di livello che abbiamo affrontato. Nessun rammarico, l’eliminazione prematura ci poteva stare”.

A Chieti per…

“Come detto in precedenza, noi non siamo appagati. Giocheremo le nostre chance fino alla fine, con la consapevolezza di affrontare due squadre molto forti. Il Carpi è un’autentica corazzata, costruita per vincere lo scudetto. Mi fa piacere incontrare il Trieste: la sfida con i giuliani rappresenterà un “amarcord”, un’occasione per rivivere le emozioni del passato, tra due compagini che hanno fatto la storia della pallamano”.

Quali saranno gli obiettivi della prossima stagione?

“Al momento siamo tutti concentrati su ciò che accadrà nel fine settimana. Ovviamente la società è già al lavoro per programmare la prossima stagione, con l’obiettivo di compiere ulteriori progressi, mantenendo però l’umiltà che ci ha sempre contraddistinto”.

Teamnetwork e i giovani…

“A livello giovanile siamo presenti in tutti i campionati. Mi duole affermare, comunque, che il settore giovanile siciliano non ha raggiunto i livelli di quello del resto d’Italia. Paghiamo un gap, dovuto anche alla nostra collocazione geografica, che un po’ ci emargina. Per contribuire a innalzarlo occorrerebbe sì lavorare sul piano tecnico, ma anche favorire i concentramenti giovanili e rivedere la formula dei campionati. Proprio per questo cercheremo, per la prossima stagione, di creare una squadra di Serie B. Sono del parere che nei campionati inferiori militino troppi “over”. E’ sbagliato considerare solo il risultato: meglio perdere con i ragazzini ché vincere con gli “over”.

La favorita per lo scudetto?

“Il Bozen attuale non ha rivali. Mister Fusina sta svolgendo un ottimo lavoro e credo che l’organico dei biancorossi sia difficilmente migliorabile”.

Il tuo saluto a “PallamanoItalia”?

“Siete una bella finestra sulla pallamano, procedete sempre più incisivi, al fine di pubblicizzare il nostro sport”.

di Francesco Servadio

Authors

12 Comments

  1. Obbiettivo. said:

    Carissimo Sig. Vinci se mi permetto ma quando parla non offenda e piuttosto guarda esclusivamente alla sua squadra io se fossi in lei dichiarazioni tipo :““Purtroppo abbiamo pagato lo scotto di militare nel Girone C, che non è competitivo come gli altri, sia sotto l’aspetto tecnico, sia sotto quello agonistico. Eccezion fatta per il Fasano, nostro avversario nel raggruppamento, il Romagna è stato la prima squadra di livello che abbiamo affrontato. Nessun rammarico, l’eliminazione prematura ci poteva stare”.. Nessun rammarico, l’eliminazione prematura ci poteva stare”…….LE RICORDO CHE LEI HA PERSO IN CAMPI COME ANCONA E FONDI ANCHE CON LA SUA SQUADRA COMPOSTA 5/7 DA STRANIERI…le vorrei ricordare come è arrivato alle finali di coppa????IL RISPETTO LE RICORDO E, LA PRIMA COSA NELLO SPORT!!!!!

    • DOMENICO said:

      finalmente un’altra persona intelligente che gli risponde per le rime ,purtroppo e’ abituato a far l’indiano

  2. Handballmania said:

    Ma l’Albatro é la stessa squadra mitica che si chiamava Ortigia o é un’altra cosa?
    Tipo il Trieste é sempre il Trieste e il Bressanone ê sempre il Bressanone (per parlare di società storiche).
    Parlando di presente… Si sa chi dirigerà gli incontri nel week end?

    • DOMENICO said:

      L’ ORTIGIA ERA COMPOSTA DA SIGNORI DIRIGENTI SIA COME CAPACITA’ CHE COMPORTAMENTALI ,QUESTI TROVANO IL TEMPO CHE TROVANO

    • Hyeronimus said:

      E chi vuoi che siano? Iaco-Iaco e Chiarello-Pagaria, Trieste-Carpi senza arbitri

  3. Teo said:

    Oltre che compaesani, anche compagni di merende il duo Vinci – Fusina. Qualche tempo fa esisteva un gruppo musicale denominato “I DELIRIUM”. Mi sa che il delirio è arrivato a Siracusa nella persona di mister Vinci. Ma stai un pò con i piedi per terra che sarà meglio per tutti!!!.

  4. IoStoConVinci said:

    Carissimo Vinci noto con piacere, ancora una volta, l’umiltà che ti contraddistingue.
    Dopo aver fatto sapere alla Rai che il secondo posto è frutto dei giovani siracusani, adesso te ne esci con questo articolo.
    Ti ricordo che oltre a prenderle dal Fasano, Fondi e Ancona, sei riuscito anche a vincere con UNA SOLA RETE di scarto con Conversano(sia all’andata che al ritorno), Gaeta e Benevento!!!.
    Senza dimenticare che le partite in casa ve le arbitrano sempre e comunque Chiarello e Pagaria (coppia arbitrale nota per la sua onestà e correttezza).
    Dai va, che se non era per i 5 stranieri neanche in serie B eri presentabile…

  5. Hyeronimus said:

    Vinci in sei mesi è riuscito in una vera inpresa: fare salire sugli zebedei il Siracusa a tutti, almeno nel suo girone. Vedi che era difficile!

  6. TeoTeo said:

    @Vinci: Ritornato con i piedi sulla terra??????? che di figura da quattro soldi!!!

  7. spettatore inconsulto said:

    Mi sorge un dubbio peraltro: ma il Brancaforte visto e rivisto senza tanti paradigmi non è per puro caso che si dedichi ad altre attività luculliane. Se sì o no non è che ce ne calle poi tanto. Storicamente una volta gioca due no e poi va e non va. Sarà mica strano?

  8. Teate said:

    Il Siracusa semplicemente ieri non c’era. Brancaforte scandaloso. Bianchi finché ha retto è stato l’unico a far qualcosa, e qualche parata il portiere all’inizio. Gli altri inesistenti. 6-0 perforata dal Carpi come volevano. Contropiede a go-go. C’erano due categorie di differenza

  9. peppe perdi said:

    Vinci quando chiedi scusa all’Ancona e ammetti che il livello del girone è bassissimo anche perché ci siete voi?

*

Top