Niederwieser e Montesano, voce ai talenti della pallamano italiana

Eccoli qui, i talenti della pallamano italiana: Anika Niedewieser e Paolo Montesano. Diciassette anni e diciotto anni, ed in comune quella maglia azzurra, in più categorie, che tanti sognano e che loro hanno avuto la fortuna di indossare per molte volte.

Per la prima volta, due dei migliori atleti che la nostra piccola pallamano ha in serbo si raccontano su PallamanoItalia, in questa curiosa intervista-doppia.

PALLAMANOITALIA: Nome?
NIEDERWIESER: Anika
MONTESANO: Paolo

P: Cognome?
N: Niederwieser
M: Montesano

P: Data e luogo di nascita?
N:
28/02/1992, a Bressanone

M:
01/02/1991, a Busto Arsizio

P: Professione?
N: Studentessa
M: Studente

P: Che scuola frequentate?
N: Liceo scientifico
M: Ultimo anno dell’ITIS, indirizzo informatico

P: Media voto?
N: Sette…
M: Sette…

P: Quanto incide la pallamano nella scuola?
N: Non incide moltissimo, peró devo recuperare in occasione di ritiri con la squadra nazionale le lezioni perse e studiare e prepararmi per gli impegni di scuola anche dopo gli allenamenti quotidiani serali. È naturalmente faticoso, peró da soddisfazione poter ben figurare nelle partite di campionato e in occasione di tornei internaizonali anche con la squadra maggiore.
M: Troppo.

P: I professori apprezzano il vostro talento o vi rinfacciano di pensare più allo sport che alla scuola?
N: Tanti Sono Fieri Ma Qualcuno è “Geloso”.
M: Rinfacciano di pensare più allo sport che alla scuola. Solo il professore di ginnastica apprezza il nostro impegno particolare.

P: In che squadra giocate?
N: SSV Brixen.
M: Cassano Magnago HC.

P: Ruolo?
N: Terzino sinistro e destro.
M: Ala destra.

P: Quando avete cominciato a giocare a pallamano?
N: A 10 anni.
M: In quinta elementare.

P: Sapete di essere due delle più grandi speranze della pallamano italiana?
N: Facciamo del nostro meglio.
M: Si, Ma Credo Di Dover Crescere Ancora Molto Per Dare un Grosso Contributo!

P: Il vostro idolo?
N: Ivano Balic e il giovane islandese Palmarsson.
Luc Abalo.

P: Quanto segui la pallamano maschile/femminile?
N: Seguo in parte i campionati italiani e le competizioni internazionali.
M: Non Molto, Sono più Interessato a Giocare =)

P: La pallamano può essere una professione?
N: In Italia no, comunque è difficile affermarsi a livello internazionale.
M: Si.

P: Se no, cosa vorreste fare da grandi?
N: Ricercatrice in fisica sperimentale o economista internazionale.

M: Il giocatore, ovviamente…

P: Che sensazioni dà la maglia azzurra?
N: Fiera di rappresentare lo stato.
M: Dà un’Emozione e una Carica Fortissima.

P: Dal vostro punto di vista, che futuro ha la pallamano italiana?
N: Deve essere lasciato piu spazio ai giovani. Questi debbono essere allenati dai migliori allenatori.
M: Spero che lo abbia un Futuro.

P: Sareste disposti ad emigrare per giocare a pallamano?
N: Si.
M: Dipende.

P: Chi vince lo scudetto?
N: Conversano negli uomini, e Salerno tra le donne.
M: Conversano.

P: E Brixen e Cassano Magnano?
N: Bressanone ha un buon potenziale di giovani giocatori del posto sia maschile che femminile.
M: A Cassano speriamo nella Serie A1…

di Sergio Palazzi

14 Comments

  1. Giuseppe said:

    Ma Anika Niedewieser è parente a Michael Niedewieser, ex portiere della nazionale italiana (quello alto e magro)?

  2. nathan80 said:

    e’ la figlia… e direi che tra papa’ e zie non poteva essere che una giocatrice di pallamano…

  3. Laguna venis said:

    spiace dirlo ma se si doveva intervistare una promessa italiana tra i giocatori maschili si trova di meglio..qui c’è puzza di “raccomandazione”..

    • Matteo Aldamonte said:

      Si, e da parte di chi? Sentiamo…

      Montesano è oggettivamente un talento, e se è stato intervistato è perchè è tra i giovanissimi che sono stati convocati nella Nazionale maggiore: a Dicembre, in Brasile. Per favore, smettiamola di ‘sparare’ e vedere del marcio anche quando non ce n’è.

  4. renato said:

    per laguna venis: Paolo Montesano si merita l intervista ,come tanti altri ragazzi che si dedicano al ns. sport con abnegazione,naturalmente a noi di cassano fa piacere,ma il termine raccomandazione irrita e offende. Vieni a vederlo giocare,poi ci beviamo qualcosa assieme e ti renderai conto di aver detto una castroneria,ti assicuro che di santi in paradiso Paolo non liha ,qualche volta li sfiora con la sua elevazione,ma non ci parla .Buona pallamano

  5. Referee said:

    Il ragazzo è forte, piccolo fisicamente ma con una tecnica evoluta. La ragazza, beh, con un cognome così non poteva che essere forte.

  6. Luca Basile said:

    Pur conosendo ed allenando Paolo da circa 10 anni non perderò tempo e parole a tesserne le lodi perchè credo non abbia bisogno del mio contributo per essere apprezzato ma vorrei solo dire a “laguna venis” che il suo intervento è di una tristezza enorme, in un periodo in cui il nostro sport sta morendo e da varie parti si stanno proponendo soluzioni che portino a superare l’ottica del proprio piccolo orticello per risollevare tutti insieme il movimento della pallamano in generale lui riesce a vedere una raccomandazione non per, che no so, ottenere una convocazione in nazionale ma addirittura per … rilasciare un’intervista ad un sito web!!!!
    Se è questo l’uso che facciamo dell’unico mezzo rimasto a disposizione per scambiarci notizie e pareri e per far conoscere il nostro sport all’esterno del nostro piccolo mondo allora non abbiamo più speranze!!!
    Grazie per il bene che fai al nostro sport, ti saremo eternamente grati,complimenti di cuore!
    Comunque buona pallamano a tutti e che qualcuno ci salvi da laguna venis e dai suoi eventuali seguaci Luca Basile
    PS i nickname vanno bene quando si parla o si scrivono commenti generici, quando si lanciano accuse sarebbe onesto scrivere il proprio nome

  7. marcello visconti said:

    paolo è un talento, che con abnegazione ed impegno segue la sua naturale inclinazione: giocare a pallamano… tanti dovrebbero prendere esempio dalla sua serietà, dalla voglia di migliorare, senza mai sentirsi pago delle IMPRESE che ci regala in campo… gli auguro ogni più grande Soddisfazione…. il lavoro paga, sempre…. in bocca al lupo…

  8. Gianluca Di Vincenzo said:

    Perché rispondete alle provocazioni di qualche ragazzino invidioso?
    Soprattutto nelle Nazionali giovanili c’è sempre stato qualche pirletto frustrato che crede di non essere chiamato in Nazionale perché gli altri sono raccomandati.
    Basta semplicemente ignorarli questi invidiosi!

    Non conosco la Niederwieser, dunque non mi esprimo.
    Quanto a Paolino (come lo chiamiamo a Cassano)… è troppo scarso!!! ;-)

  9. flu said:

    Paolo è un ragazzo con doti innate e certe sbandamenti giovanili gli si possono perdonare,certo che merita l’intervista è stato per due estati di fila il desiderio di alcune società d’elite,non si è mosso per la scuola e questo gli fa onore speriamo di vederlo all’opera con il Cassano o con un altro club a breve in partite di alto livello per seguirne la crescita.Talenti in giro ci sono e tanti non se la “tirano”chi deve scegliere deve imparare a guardare a 360°.Anche Santilli un 89 non si deve dimenticare.

  10. Fabrizio Santoro said:

    Beh che dire..a costo di sembrare un po’ troppo di parte, visto che è per merito suo che ora gioco a pallamano, penso che noi cassanesi abbiamo aspettato questo momento, di poter leggere un’intervista di un nostro compagno ma soprattutto amico con il quale (più o meno tutti) abbiamo trascorso bei momenti.. Per quanto riguarda le critiche al ragazzo dal basso della mia esperienza pallamanistica posso dire che solo che sono immeritate con tutto quello che dimostra ad ogni partita e in allenamento..prima di dire certe scemenze caro “laguna venis” (che mi sa tanto di qualcuno da Venezia ma non so perchè…..) dovresto fare attenzione e osservare oculatamente le partite del ragazzo..perchè ha dimostrato di meritare la maglia azzurra e lo farà sicuramente anche in futuro!

    Di nuovo in bocca al lupo Paolino!

  11. fantuz said:

    paolino nn li ascoltare questi..sono solo invidiosi.,..continua a darci dentro!!! un caro saluto
    fantuz

  12. lorenz said:

    …… ahah io gioco nel cologne….. c’è rivalità fra le nostre due squadre…. direi che c’è sempre stata… poi va beh io ho sempre giocato contro di lui dalle giovanili in poi… sono l’ala sinistra XD.. però devo dire che il ragazzo fa paura…. complimenti paolo sei molto forte! continua così!!

*

Top