Europei 2014: l’Italia nelle scuole di Chieti, domani c’è la Turchia su RAI Sport 1

- Scritto il 26 marzo 2014 -

Italia-femminile

LA PARTITA - Riprende dal Pala Santa Filomena di Chieti, domani sera (27 marzo) a partire dalle ore 20:00, il cammino della Nazionale femminile nel Gruppo 4 di qualificazione ai Campionati Europei di Croazia e Ungheria 2014. Davanti al pubblico di casa e sotto l’occhio delle telecamere di RAI Sport 1, le azzurre ospitano la Turchia in un match di grande importanza per la caccia al terzo posto nel girone.

L’Italia si allena a Chieti dalla giornata di ieri. Rosa giovanissima, quella a disposizione dei tecnici Marco Trespidi e Frans Hammer, che cercherà di cogliere in casa i primi due punti delle sue qualificazioni, dopo gli stop contro le forti Spagna e Olanda, entrambe in vetta alla classifica a punteggio pieno. Anche la Turchia, al pari del team italiano, non ha ancora conquistato punti. Scontro diretto in piena regola, dunque, al Pala Santa Filomena domani sera.

LE AZZURRE NELLE SCUOLE - Le azzurre Michela Zanotto, Bianca Del Balzo, Alessandra Bassanese e Alessandra Di Lisciandro hanno incontrato, questa mattina, oltre 500 bambini delle scuole elementari del 3° Circolo di via Amiterno e via Pescara, a Chieti. Per i piccoli partecipanti c’è stata la possibilità di rivolgere le proprie domande alle azzurre, soddisfare alcune curiosità riguardanti la pallamano ed effettuare qualche passaggio con le giocatrici della Nazionale.

IMG_1263

IL TECNICO –  Così l’allenatore azzurro Marco Trespidi nel pre-gara:

“Il lavoro di questi giorni è stato un po’ a tratti, con picchi di grande entusiasmo e agonismo, e dalla parte opposta picchi di incertezza e insicurezza. Questo è tipico nella preparazione di un evento così importante per una squadra così giovane. Fortunatamente le ragazze hanno avuto la possibilità di giocare tante gare internazionali, grazie al programma che la Federazione ha predisposto per loro, per cui sono sicuro che domani riusciranno ad esprimere ciò in cui riescono meglio. Sono moltissimi anni – continua il tecnico – che l’Italia non può proporre una batteria di terzini come quella attuale, con validissime alternative, quindi credo che abbiamo tutte le possibilità per giocare una partita che per noi ha un solo risultato possibile”.

Su questi giorni di lavoro, l’allenatore italiano dichiara: “Ho visto molto positive Niederwieser, Fanton. Bene Ettaqi, molto motivata. Abbiamo inoltre deciso di avvalerci dell’esperienza di Barani, perché in una gara così, dove l’equilibrio mentale è molto importante, lei che è una veterana di mille battaglie sarà importante per tenere la tranquillità necessaria in mezzo al campo. Ha accettato con grandissimo entusiasmo di rimettersi in gioco in questo momento e sono orgoglioso che lei sia con noi qui”.

IMG_1211

IN DIRETTA TV - Il match Italia – Turchia di domani si gioca alle ore 20:00. Ingresso libero al Pala Santa Filomena di Chieti e diretta televisiva su RAI Sport 1. Dirige il match la coppia serba Vanja Antic – Jelena Jakovljevic (delegato EHF: Horatiu Cristian Belu – ROU).

[da www.figh.it]

L'Autore dell'articolo

Nata nel 1990, viene da Malo, provincia di Vicenza, ed è qui che conosce la pallamano. Nel 2009 si trasferisce nelle fila del Dossobuono, nota società del veronese. Nel 2011 decide di spostarsi nella vicina Vigasio. A Verona ha frequentato il corso di Interior Design all’Istituto Design Palladio. Ora lavora come grafica, giornalista e web designer.

23 Commenti in "Europei 2014: l’Italia nelle scuole di Chieti, domani c’è la Turchia su RAI Sport 1"

  1. Asterix 29 marzo 2014 alle 11:42 · Rispondi

    Le nostre ragazze hanno dimostrato di potersele giocare!.. forse qualche cambio in + si doveva fare!… Forse la Cappellaro è stata tolta proprio nel momento in cui stava dando il meglio di sé… ma da fuori sembra sempre tutto facile!.. complimenti ancora RAGAZZE!!!!!…magri meglio ancora se si coinvolgessero in maniera continuativa le ali!?..

  2. Girl 31 marzo 2014 alle 16:13 · Rispondi

    evidentemente il biondino in panchina , che non c’entra nulla, non ha capito gli ordini

Lascia un Commento