Europei 2014: l’Italia nelle scuole di Chieti, domani c’è la Turchia su RAI Sport 1

- Scritto il 26 marzo 2014 -

Italia-femminile

LA PARTITA - Riprende dal Pala Santa Filomena di Chieti, domani sera (27 marzo) a partire dalle ore 20:00, il cammino della Nazionale femminile nel Gruppo 4 di qualificazione ai Campionati Europei di Croazia e Ungheria 2014. Davanti al pubblico di casa e sotto l’occhio delle telecamere di RAI Sport 1, le azzurre ospitano la Turchia in un match di grande importanza per la caccia al terzo posto nel girone.

L’Italia si allena a Chieti dalla giornata di ieri. Rosa giovanissima, quella a disposizione dei tecnici Marco Trespidi e Frans Hammer, che cercherà di cogliere in casa i primi due punti delle sue qualificazioni, dopo gli stop contro le forti Spagna e Olanda, entrambe in vetta alla classifica a punteggio pieno. Anche la Turchia, al pari del team italiano, non ha ancora conquistato punti. Scontro diretto in piena regola, dunque, al Pala Santa Filomena domani sera.

LE AZZURRE NELLE SCUOLE - Le azzurre Michela Zanotto, Bianca Del Balzo, Alessandra Bassanese e Alessandra Di Lisciandro hanno incontrato, questa mattina, oltre 500 bambini delle scuole elementari del 3° Circolo di via Amiterno e via Pescara, a Chieti. Per i piccoli partecipanti c’è stata la possibilità di rivolgere le proprie domande alle azzurre, soddisfare alcune curiosità riguardanti la pallamano ed effettuare qualche passaggio con le giocatrici della Nazionale.

IMG_1263

IL TECNICO –  Così l’allenatore azzurro Marco Trespidi nel pre-gara:

“Il lavoro di questi giorni è stato un po’ a tratti, con picchi di grande entusiasmo e agonismo, e dalla parte opposta picchi di incertezza e insicurezza. Questo è tipico nella preparazione di un evento così importante per una squadra così giovane. Fortunatamente le ragazze hanno avuto la possibilità di giocare tante gare internazionali, grazie al programma che la Federazione ha predisposto per loro, per cui sono sicuro che domani riusciranno ad esprimere ciò in cui riescono meglio. Sono moltissimi anni – continua il tecnico – che l’Italia non può proporre una batteria di terzini come quella attuale, con validissime alternative, quindi credo che abbiamo tutte le possibilità per giocare una partita che per noi ha un solo risultato possibile”.

Su questi giorni di lavoro, l’allenatore italiano dichiara: “Ho visto molto positive Niederwieser, Fanton. Bene Ettaqi, molto motivata. Abbiamo inoltre deciso di avvalerci dell’esperienza di Barani, perché in una gara così, dove l’equilibrio mentale è molto importante, lei che è una veterana di mille battaglie sarà importante per tenere la tranquillità necessaria in mezzo al campo. Ha accettato con grandissimo entusiasmo di rimettersi in gioco in questo momento e sono orgoglioso che lei sia con noi qui”.

IMG_1211

IN DIRETTA TV - Il match Italia – Turchia di domani si gioca alle ore 20:00. Ingresso libero al Pala Santa Filomena di Chieti e diretta televisiva su RAI Sport 1. Dirige il match la coppia serba Vanja Antic – Jelena Jakovljevic (delegato EHF: Horatiu Cristian Belu – ROU).

[da www.figh.it]

L'Autore dell'articolo

Nata nel 1990, viene da Malo, provincia di Vicenza, ed è qui che conosce la pallamano. Nel 2009 si trasferisce nelle fila del Dossobuono, nota società del veronese. Nel 2011 decide di spostarsi nella vicina Vigasio. A Verona ha frequentato il corso di Interior Design all’Istituto Design Palladio. Ora lavora come grafica, giornalista e web designer.

23 Commenti in "Europei 2014: l’Italia nelle scuole di Chieti, domani c’è la Turchia su RAI Sport 1"

  1. Ciccio 27 marzo 2014 alle 09:07 · Rispondi

    Futura futura futura??? Poi ti tocca prendere la barani perché hai paura di perdere??? Ma non so perché ci si faccia prendere in giro così…

    • Marco Trespidi 27 marzo 2014 alle 12:03 · Rispondi

      Paura di perdere? Singolare interpretazione dato che non vinciamo quasi mai……con o senza Barani o con o senza QUALUNQUE altra giocatrice e da 41 anni….. Questa nazionale ha una età media di 22 anni e il progetto di costruzione è chiaro, i pivot (ruolo in cui in Italia non abbondano talenti purtroppo principalmente per struttura fisica) di Futura hanno 19 anni la prima (Cappellaro) e 17 anni la seconda (Del Balzo convocata nelle precedenti gare senior) che ha subito un intervento al menisco e solo da poco ha ripreso a giocare con buona regolarità, da un paio di mesi abbiamo iniziato a lavorare su Dalla Costa, ma per ottenere risultati accettabili ci vuole tempo. Chiamare Elena è sembrato logico. Perché è una atleta sempre disponibile e che di sicuro visto il tipo di partita che ci aspetta sarà utilissima. Riguardo alla gara giova ricordare che la Turchia occupa il 18° posto mentre noi siamo al 25° pari merito attualmente dato che nn sono entrati ancora i risultati con la Lituania. Vincere è il nostro obiettivo, ma sappiamo bene contro chi giochiamo, e anche loro sanno l’importanza di questa gara per il ranking valido per i futuri sorteggi tant’è che hanno richiamato Yeliz Ozel ( 34 anni e un passato nelle squadre più forti d’Europa) che non gioca in nazionale dal 2012 . Mi piace sempre spiegare le scelte che facciamo, ritengo che sia giusto farlo, e dare a ognuno il diritto di esprimere opinioni in merito, quello che mi da fastidio è aver gente che parla senza sapere di cosa parla. E’ come se io convocassi un’atleta senza sapere che ha smesso di giocare. Ma pare piaccia così.

      • Harem 28 marzo 2014 alle 12:08 · Rispondi

        mah io me la ricordo solo nel Valcea, in quale altre grandi squadre avrebbe giocato la 7 turca?

        • Redazione PallamanoItalia 28 marzo 2014 alle 12:20 · Rispondi

          Yeliz Özel ha giocato fuori dalla Turchia con Kometal Skopje, Milli Piyango SK e CS Oltchim Râmnicu Vâlcea. È stata finalista in Champions League nel 2005 e nel 2010, semifinalista nel 2012. Nella Champions 2004-05 è stata 5° miglior marcatore, 6° nella Champions 2005-06. E’ considerata “the best handball player in the history of Turkey” – la fonte è https://en.wikipedia.org/wiki/Yeliz_%C3%96zel

          • Nembo Kid 28 marzo 2014 alle 16:20 ·

            Cara Redazione di PallamanoItalia, è cosa ottima verificare ciò che si scrive. . Avresti così scoperto che una delle tre squadre da te menzionate come straniere, è in realtà di Ankara. A proposito, Ankara si trova in Turchia, è la capitale. O no? Ergo, è bene sempre scrivere e parlare di ciò che si sa. E, magari, fare meno censura agli altri.

          • Redazione PallamanoItalia 28 marzo 2014 alle 17:44 ·

            Ok, allora: Yeliz Özel ha giocato fuori dalla Turchia con Kometal Skopje e CS Oltchim Râmnicu Vâlcea. È stata finalista in Champions League nel 2005 e nel 2010, semifinalista nel 2012. Nella Champions 2004-05 è stata 5° miglior marcatore, 6° nella Champions 2005-06. E’ considerata “the best handball player in the history of Turkey” – la fonte è https://en.wikipedia.org/wiki/Yeliz_%C3%96zel

  2. Daniele Battistoni 27 marzo 2014 alle 10:44 · Rispondi

    A me non piace difendere nessuno ma davvero non si è mai contenti… Se la convoca non va bene perché hanno paura di perdere, se NON la convoca si scatena un polverone… Allora ditemi: cosa si deve fare?!? Sono curioso, magari qualcuno può prendere appunti……..

  3. Asterix 27 marzo 2014 alle 13:15 · Rispondi

    Povero Ciccio..neh?… Parli proprio per far prender aria ai denti!…?… Forza Italia!!!

  4. ciccillo 27 marzo 2014 alle 14:01 · Rispondi

    “Le ragazze hanno avuto la possibilità di giocare tante gare internazionali”… Io quest’anno ho visto solo amichevoli
    Ciccio ha ragione: convocare una 35enne perche’ non hai un pivot è ridicolo: che Futura è se non costruisci giocatrici per il appunto Futuro? Se ti mancava un pivot che hai fatto in questi tre anni per costruirtelo?

  5. Asterix 27 marzo 2014 alle 17:10 · Rispondi

    Ciiccillo, sei forse il “gingillo” di ciccio?… comunque veramente non capisco!… ma tifiamo ITALIA questa sera… diamo un grande in bocca al lupo alle ragazze..TUTTE… Futura o “passate” che siano… ma basta!…. distinti saluti ai gelosoni ingenui!..

  6. Ciccio 27 marzo 2014 alle 17:38 · Rispondi

    Ma da quanto tempo alleni futura??? Non abbonda di pivot l italia femminile per quale motivo??? In questi 3 anni non sei riuscito a crearne uno??? Eta media 22 anni, fantastico!! E quindi?? Ribadisco… Non si fanno giocare le giovani, se poi quando conta( o si ha un minimo di speranza per vincere) si lasciano in panchina per fare giocare una più esperta!!! Mio parere… Poi Asterix comprati un tampax se c hai le tue cose! Ciao ciao

  7. Ciccio 27 marzo 2014 alle 17:45 · Rispondi

    E poi sinceramente… Non vinciamo mai (cit)!!! Ma che frase e’? Ora dimmi di chi è la colpa… Colpa delle squadre che non allenano a modo le proprie giocatrici?? Quello sicuro… Ma più della metà vengono da futura mi pare… Le alleni TU… E non da ieri… Ma già da qualche anno a questa parte!!! Ora… Quanto bisogna aspettare per dei risultati?? E non venitemi a raccontare che se oggi si vince e’ un RISULTATO!!!! Ovvio vincere a bene e sarebbero contenti tutti quando la squadra nazionale vince.:. Ma il risultato finale non era rio 2016?? No perché di questo passo non arriviamo neanche a Helsinki 2050….!!! Fisicamente non ci siamo… Tatticamente così così… Tecnicamente non ne parliamo!!!

  8. Ciccio 27 marzo 2014 alle 17:47 · Rispondi

    Sono un po’ uscito dal discorso… Ma a certe affermaZioni, vanno date certe risposte!!!

  9. Marco Trespidu 27 marzo 2014 alle 22:44 · Rispondi

    E’ una gara internazionale e’ forzatamente una amichevole , per quanto riguarda il pivot mi pare di avere gia’ risposto, mentre Angela la risposta te l’ha data sul campo.

  10. girl 28 marzo 2014 alle 00:12 · Rispondi

    Brutto da vedere in tv il biondino in panchina e non lo sa neanche lui perché e poi nei time out appare LUI che urla dalla tribuna…patetico a fine gara LUI che grida alle ragazze e il biondino torna in tribuna…il tutto naturalmente a costo zero …boh un triste teatro

  11. coach 28 marzo 2014 alle 08:20 · Rispondi

    visto la partita…e mi sono anche divertito,complementi alle ragazze,hanno dato tutto quello che potevano….abbiamo fatto grossi errori,a volte madornali,ma tutto sommato siamo stati li’ e ce la siamo giocata….quindi si,le ragazze su cui lavorarci ci sono…purtroppo non in tutti i ruoli ,ma….andiamo avanti….
    purtroppo pero’ devo essere d’accordo con girl….la questione panchina deve essere sistemata…abbiamo l’allenatore della nazionale seduto in tribuna…..facciamo timeaut e non possiamo far sentire le panchine perche’ il ns allenatore non e’ in panchina…..a fine partita la catechizzazone sul campo…..mi scusi prof…..ma neanche le societa’ di serieb messe peggio fanno queste cose…..ho visto dei bambini con i cartelloni a favore delle ragazze…..ecco sarebbe stato piu’ opportuno che a fine partita le ragazze si fossero incontrate con i bambini,avessero firmato autografi,parlato con il pubblico….poi le prendeva e IN SPOGLIATOIO le poteva anche appendere al muro…..ma in SPOGLIATOIO…..
    mi scusi ma questo e’ quello che francamente penso….dobbiamo assolutamente definire la conduzione tecnica…o lei allena futura,o la nazionale o tutte e due o niente….ma noi tifosi dobbiamo capire quello che avviene…..perche’ se dobbiamo andare a intuito per capire le cose,poi siamo costretti visti i continui risultati negativi a fare supposizioni per individuare i colpevoli…..e sicuramente ieri sera i colpevoli non erano le ragazze….che non da meritavano quella inutile umiliazione davanti alle telecamere…..
    birra
    excoach

  12. Harem 28 marzo 2014 alle 12:11 · Rispondi

    ecco perchè non risponde su questo? se non si va in panchina è perchè non si può mi risulta. Perche non poteva?
    Poi povera Cappellaro prima di vedere due palloni, brava a metterli dentro, ha preso un fracco di mazzate era più per terra che in piedi quindi ha ragione chi dice che in tre anni non si è creato un pivot fisicamente di livello internazionale, seconda domanda: perche?

  13. alice 28 marzo 2014 alle 14:29 · Rispondi

    Ciao, non sono riuscita a vedere la partita; si può vedere da qualche parte?

  14. GianniPi 28 marzo 2014 alle 16:03 · Rispondi

    A parte, forse, che non è neanche consentito ai giocatori parlare con persone sedute tra il pubblico, ma tralasciamo, in pratica scopriamo, senza che ne sia stata data comunicazione “ufficiale”, che Frans Hammer (danese?) è l’allenatore della Nazionale. O di Futura. O di tutte e due visto che per la prima volta compare nei comunicati ufficiali della federazione, se non sbaglio, il 21 febbraio di quest’anno dopo l’amichevole di Futura con Nizza… È possibile che di una notizia così importante non ci sia una comunicazione altrettanto importante? E, ampliando l’argomento, è normale che, a tutt’oggi, la Federazione abbia prodotto, in generale per tutta l’attività, una sola circolare?

  15. Gino 28 marzo 2014 alle 18:28 · Rispondi

    Brutta figura in tv..e pensare che la federazione ci tiene …
    P.s: ora leggo che le porterà anche al sole brasiliano…. e’ un grande…..

  16. vituccio 28 marzo 2014 alle 22:52 · Rispondi

    A me la nazionale è piaciuta. Velocità e preparazione atletica ottime. Mancava un pò di cattiveria alle nostre giocatrici. Hanno giocato a ritmo sostenuto fino alla fine. Domani meritano di vincere, forza ragazze.

  17. Asterix 29 marzo 2014 alle 11:42 · Rispondi

    Le nostre ragazze hanno dimostrato di potersele giocare!.. forse qualche cambio in + si doveva fare!… Forse la Cappellaro è stata tolta proprio nel momento in cui stava dando il meglio di sé… ma da fuori sembra sempre tutto facile!.. complimenti ancora RAGAZZE!!!!!…magri meglio ancora se si coinvolgessero in maniera continuativa le ali!?..

  18. Girl 31 marzo 2014 alle 16:13 · Rispondi

    evidentemente il biondino in panchina , che non c’entra nulla, non ha capito gli ordini

Lascia un Commento